GIOVANNI CARANDENTE SU ALICIA PENALBA

A tu per tu con

Palazzo Collicola, appartamento nobile I News pubblicata il 10/09/2020

Giovanni Carandente su Alicia Penalba, pubblicato in occasione della mostra personale Penalba, sculture presso la Galleria d’Arte Nuovo Carpine, Roma, 29 maggio-30 settembre 1969.
… Alicia Penalba è scultrice di razza. E in un paese di antica tradizione plastica come il nostro, il suo messaggio civile e particolarmente rigoroso si immette con la maggiore naturalezza. Alicia Penalba modella e scolpisce, trattiene la materia al suo stato naturale, compone e ordina ritmi nello spazio in quel modo assoluto che ha sempre identificato, nella tradizione italiana del fare scultura — da Wiligelmo a Marino — intento plastico e forma, spazio e presenza, immagine e simbolo, contenuto e linguaggio espressivo.
Alicia Penalba è argentina: virago fortissima (e dolcissima) di quelle lande avventurose latino-americane; ma tuttavia, si è sottratta fin dall’inizio della sua formazione, al greve fardello di piegature folcloriche, di colorate cadenze, di amabili e musicali istinti, imprescindibile in quell’antico mondo etnico…
Le sue sculture che a taluno hanno suggerito somiglianze vegetali e naturali son tutt'altro che piante esotiche di pietra o di bronzo. E’ vero — ce lo ha detto in modo esplicito lei stessa — che «tutte le forme esistono in natura» e che «si potrebbero prendere, per esempio, tutti i petali di una rosa e disporli in maniera da esprimere un sentimento del tutto differente da ciò che era la rosa». Ma allora quei petali non riveleranno più la rosa, ma «le parole del sentimento dell’uomo che li ha ordinati altrimenti». Alicia Penalba è scultrice astratta (se mai più questo aggettivo possa avere un valore dirimente o anche esprimere una particolare qualifica-zione dell’arte) perché «una forma diviene astratta in quanto crea un nuovo mito che nasce soltanto dalla mente umana». La forma, a lungo drammaticamente plasmata dalla Penalba, è un’individualità assoluta. Essa non intende evocare né immagini e neppure ritmi già noti. L’immagine è quel complesso di nuove cadenze musicali che Alicia Penalba crea dal nulla o forse dai suoi remoti pensieri, carichi di energia vitale e forza creatrice. Il ritmo è quello che essa ricompone in modo globale, ab imis, ed è l’alternanza incessante dei pieni e dei vuoti, dell’aggressiva verità plastica e dello spazio in cui l’aggressione si verifica.
« Quel che conta — è sempre la scultrice che parla — è l’ordine, il ritmo, come nella musica che si esprime soltanto nella sua totalità ». Se non vi fosse questo modo globale di intendere la presenza di una forma a lungo rastremata e plasmata e inarcata e tesa e vibrante, si potrebbero pure equivocare queste sagome brune e dense per euforbiacee o sassifragacee della Patagonia (dove Alicia passò per un po’ la sua infanzia). Del resto, a togliere qualsiasi dubbio nell’errore di questa interpretazione vegetale — nella quale pur caddero negli anni Cinquanta, illustri critici francesi, affascinati dall’inconsueto «grand jardin botanique de l’imaginaire » che la Penalba sembrava offrire — soccorre la stessa artista con parole irreversibili, e allo stesso tempo sorprendenti: « S'è fin troppo parlato di forme vegetali in relazione con le mie prime sculture. Quel periodo del mio lavoro, che è stato chiamato totemico, era spinto da un mio bisogno di spiritualizzare i simboli dell'erotismo, fonte di ogni creazione, lo stato più puro e più sacro della vita umana. Tutto questo contenuto del mistero della procreazione si elevava verso il cielo in forme solide e architettoniche intese a proteggere il delicato frutto deposto all’interno e a suggerire sia l’idealizzazione della carne sia la sua nascita. Quel mondo di forme non mi proveniva, dunque, né da foglie né da rami, né da un diretto riferimento alla natura. E del resto, non è l'imitazione delle forme delle creature che può produrre un’opera, ma la rimessa in ordine di quelle forme, il ritmo che l’individuo riesce a imprimervi».
… Il temperamento di Alicia Penalba è inconfondibile. Ha l’energia interiore che forse ebbero le antiche sacerdotesse. Ha lo sprint dei motori ad alto potenziale. Ha la vivacità, l'esuberanza, la carica vitale delle origini etniche della scultrice. «Non credo al gesto casuale, non credo alla scultura dell’azzardo» sono altre dichiarazioni sue. E sono come dire che ella non crede che a quel gesto che, profondo nell’intimo del creatore, sia stato totalmente assunto, meditato e portato all'estrema conseguenza. Una forma è per la Penalba definitiva soltanto quando essa sia stata delibata, e sia passata attraverso innumeri raffinamenti, accarezzata, studiata congiuntamente nel suo inarco e nel suo svettare, plasmata con una meticolosità non d’ingegno sibbene d’impianto. Quella forma, così accuratamente elaborata, nascerà poi spontanea, allora sì tale da richiamare le vetuste e monumentali vegetazioni del Nuovo Mondo, non nel rapporto visivo ma nella sua presenza effettiva d’immagine, nella sua simbologia ricostituita, nel suo ritornare ad essere invenzione che esiste in natura, ma che è prodotto dell'umano Esprit.
… Approdata dall'America latina a Parigi, quando Brancusi, Arp e Pevsner ne qualificavano l’ambiente, essa ha saputo imporsi fin dal primo momento con un'autonomia e un’indipendenza pari alla severità e al rigore della ricerca. E così ha continuato con coerenza, variando come in una musica, l’eterno, infallibile tema che si prefisse al primo nascere artista: quello della forma assoluta, entro la quale miti, simboli, significati reconditi, contenuti allusivi o reali, se pur esistono, sono trasfigurati dal senso intimo e singolare che il creatore dà alla bellezza. «A thing of Beauty is a joy for ever» disse Keats. Per Alicia Penalba, scultrice assoluta, «a thing of beauty» è pur sempre, perennemente, l’Amore, l'Amore che crea la vita.

Il testo è stato integralmente ripubblicato in “Giovanni Carandente e la scultura moderna. Scritti dal 1957 al 2008”, a cura di Antonella Pesola, Magonza Editore, 2020.

altri eventi a Palazzo Collicola

GIOVANNI CARANDENTE: UN COMPLEANNO PARTICOLARE NELL’ANNO DEL CENTENARIO

Aveva scelto la città di Spoleto (da cui ricevette la Lex Spoletina nel 1989) come sua patria d’adozione

Il 30 agosto del 1920 nasceva a Napoli Giovanni Carandente, uno dei primi curatori italiani che hanno saputo vivere nel mondo come a casa propria (nel 1963 memorabile è stato il suo viaggio di intersc...

leggi l'articolo >>

LEONCILLO: UNA FIAMMA CHE BRUCIA ANCORA

Proiezione dedicata all’artista spoletino Leoncillo Leonardi | Spazio Collicola, giovedì 6 agosto ore 21.30

Un documentario dedicato ad uno dei protagonisti dell'arte del Novecento, dal titolo “Leoncillo: una fiamma che brucia ancora” di Simona Fasulo, sarà proiettato, presente l'autrice, giovedì 6 agosto a...

leggi l'articolo >>

NEL CENTENARIO DELLA MORTE DI AMEDEO MODIGLIANI

Palazzo Collicola presenta un libro dedicato all’opera del celebre pittore e a seguire la proiezione di un film sulla sua vita

Amedeo Modigliani (1884, Livorno – 1920, Parigi) è il pittore italiano più comprato e amato nel mondo, la sua vita e la sua morte ne fanno l’ultimo romantico, ma da un secolo intorno alla sua opera si...

leggi l'articolo >>

PALAZZO COLLICOLA: PAOLO CANEVARI: MATERIA OSCURA

La chiusura della mostra a cura di Marco Tonelli e Lorenzo Fiorucci è stata prorogata al 31 ottobre 2020

Sebbene tutta l’opera di Paolo Canevari possa dirsi naturalmente “al nero” e veicoli da sempre contenuti oscuri, nessuno avrebbe mai pensato di doverla mettere in relazione con fatti inquietanti della...

leggi l'articolo >>

GIANNI ASDRUBALI: SURFING WITH THE ALIEN

A distanza di venticinque anni torna protagonista a Palazzo Collicola con un'asposizione personale

A distanza di quasi venticinque anni, Gianni Asdrubali (Tuscania, 1955) torna protagonista a Spoleto con un’esposizione personale, che fa il punto sul lavoro di uno dei pittori più interessanti del pa...

leggi l'articolo >>

BANDO MIBACT “EXHIBIT PROGRAM”: PALAZZO COLLICOLA TRA GLI 8 PROGETTI VINCITORI

Palazzo Collicola è tra gli otto vincitori di Exhibit program, il bando della Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiBACT

Palazzo Collicola è tra gli otto vincitori di Exhibit program, il bando della Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiBACT, volto a incentivare la qualità critica e curatoriale di mostre d’a...

leggi l'articolo >>

L’ARTE ONLINE DI PALAZZO COLLICOLA

Il direttore artistico Marco Tonelli:”Rafforziamo la nostra presenza in rete per permettere a tutti di conoscere le collezioni di arte antica e contemporanea”

“In attesa che i musei possano riaprire e tornare gradualmente alla normalità, in ogni parte del mondo istituzioni pubbliche e private stanno avviando una serie di iniziative che possano permettere al...

leggi l'articolo >>

RIAPRE AL PUBBLICO PALAZZO COLLICOLA

Pre opening della mostra di Gianni Asdrubali sabato 27 giugno alle ore 11. L’apertura dalle ore 15.30; La Casa Romana e la chiesa dei SS. Giovanni e Paolo riapriranno sabato 4 luglio

Palazzo Collicola riapre al pubblico dopo la chiusura degli ultimi mesi a causa dell’emergenza sanitaria. Domani, sabato 27 giugno, alle ore 11.00 è in programma l’inaugurazione della mostra dell’arti...

leggi l'articolo >>

PALAZZO COLLICOLA SU RAI STORIA

Immagini e video con visita al museo accompagnati dal direttore Marco Tonelli.

Rai Cultura in collaborazione con la Galleria d'arte moderna di Palazzo Collicola vi propone una gallery con alcune opere delle collezioni del museo e il video sulla collezione accompagnati dal dirett...

leggi l'articolo >>

PRESENTAZIONE DEL LIBRO GIOVANNI CARANDENTE E LA SCULTURA MODERNA. SCRITTI DAL 1957 AL 2008

Venerdì 28 febbraio 2020 - ore 17.30, Appartamento Nobile - Salone d’Onore di PALAZZO COLLICOLA

Sostenuta dagli Amici di Spoleto e con materiali inediti provenienti dall’Archivio della Quadriennale di Roma e dalla Biblioteca Carandente di Palazzo Collicola, l’antologia di testi Giovanni Caranden...

leggi l'articolo >>

IN RICORDO DI BEVERLY PEPPER

Beverly Pepper ci ha lasciato a 97 anni, poco dopo aver inaugurato il suo parco di sculture donate alla città di Todi, che aveva eletto a sua seconda patria.

È stata l’ultima dei grandi scultori cosiddetti “tardoindustriali”, che hanno prediletto l’uso del ferro saldato e dell’acciaio corten, e una delle prime a imporsi per l’imponenza e il dinamismo delle...

leggi l'articolo >>

CONVERGENZE. NOTARGIACOMO E LA COLLEZIONE DELLA GAM DI SPOLETO

La mostra, presso Palazzo Collicola, inaugurerà il 14 dicembre 2019 e sarà visitabile fino al 9 marzo 2020

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all'immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligen...

leggi l'articolo >>

CORDOGLIO DEL SINDACO DI SPOLETO UMBERTO DE AUGUSTINIS PER LA SCOMPARSA DI BEVERLY PEPPER

Nel 1962 fu tra gli indiscussi protagonisti della mostra “Sculture nella città” di Giovanni Carandente

Cordoglio ha espresso il sindaco Umberto de Augustinis per la scomparsa, avvenuta ieri a Todi, di Beverly Pepper “straordinaria figura d’artista di fama internazionale le cui opere sono conservate in ...

leggi l'articolo >>

LEONCILLO LEONARDI: Il Paradiso in terra su rai 5

A lungo trascurato dal mercato, l’artista Leoncillo Leonardi solo nel 2018 è stato consacrato da due importanti aste internazionali.

A lui è dedicato il documentario in prima visione assoluta “Leoncillo: una fiamma che brucia ancora” di Simona Fasulo che apre la puntata di “Art Night”, in onda venerdì 10 gennaio alle 21.15 su Rai5....

leggi l'articolo >>

FRA CIELO E TERRA, GLI ANGELI NELL’ARTE

Mezz'ora dopo la chiusura torna Venerdi 27 Dicembre 2019 con l’evoluzione di una delle iconografie sacre più diffuse

In occasione delle festività natalizie Mezz'ora dopo la chiusura presenta un calendario di appuntamenti che si svolgeranno tutti i venerdì di dicembre 2019 e gennaio 2020 nelle meravigliose cornici di...

leggi l'articolo >>

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963 IN MOSTRA A PALAZZO COLLICOLA

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente” 14 Dicembre 2019 - 8 Marzo 2020 Inaugurazione sabato 14 dicembre 2019 - ore 11.30

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città...

leggi l'articolo >>

Palazzo Collicola

Contatti

Piazza Collicola 
06049 // Spoleto // Pg
www.palazzocollicola.it

Info biglietteria/bookshop

Galleria d'Arte Moderna  
Giovanni Carandente
Spoleto

Copyright 2019, Comune di Spoleto. Credit - Policy

Il sito utilizza diversi cookies per migliorare la tua esperienza di visitia.
Per saperne di più consulta la pagina dedicata alla politica dei cookies.